Recent Fellows

Bogliasco Fellowship Recipients - Spring 2017 Fellows

DANCE

 

Peggy Baker 

Peggy Baker – Dancer/Choreographer/Artistic Director – Canada

Map of Years

Peggy Baker embarks on research toward the compilation of an autobiographical timeline of movement memories spanning 65 years. Crucial episodes and encounters will be distilled as text and physical language arrived at through an inventory of her body on the far edge of a long career in dance. This process is essential preparation for a major solo work examining the transformative potency of aging, and the interconnectivity of experiences and influences across a lifetime.

Peggy Baker inizierà un progetto di catalogazione di una serie autobiografica e temporale di ricordi motori avvenuti nel corso di 65 anni. Certi episodi ed incontri fondamentali saranno sintetizzati come testo e come linguaggio fisico, a cui si arriverà attraverso un inventario della sua fisicità, nella fase finale di una lunga carriera nella danza. Questo processo è la fase iniziale di un importante assolo che riflette sulla capacità trasformativa dell’età, e sul legame tra le esperienze e le influenze nel corso di tutta la vita.

 

Kimberly BartosikPhoto: Junenoire Mitchell

Kimberly Bartosik – Choreographer/Artistic Director – United States

Ecsteriority4

A choreographic work that traces threads of violence and ecstasy within specific, radical religious practices. The project, part of Bartosik’s Ecsteriority series, draws from her personal experience of growing up in North Carolina with parents of born-again Christianity, within a lifestyle of radical Charismatic rituals. At Bogliasco she will engage in beginning physical and intellectual research toward creating cycles of faith and violence within a landscape that is perpetually off balance.

Un lavoro coreografico che evidenzia la presenza di elementi di violenza ed estasi in certe pratiche religiose radicali. Il progetto, una parte della serie Ecsteriority della Bartosik, nasce dalla sua esperienza personale, essendo nata nel North Carolina da genitori della setta Born Again Christianity, che seguivano uno stile di vita fatto di rituali carismatici. A Bogliasco intraprenderà una ricerca fisica ed intellettuale per creare cicli di fede e violenza in uno scenario costantemente sbilanciato.

 

Antonio Ramos 

Antonio Ramos – Choreographer – United States

Almodovar Dystopia

Antonio Ramos intends to create Almodovar Dystopia, a gloriously chaotic performance from shiny lies, physical hyperbole and naked flesh in an attempt to find the glitter trail to truth. Ramos will create exaggerated and abstracted characters from personal neuroses dredged up through the labor of “making things.”

Antonio Ramos si propone di creare Almodovar Dystopia, una performance magnificamente caotica, a partire da menzogne lampanti, iperboli fisiche e nudità, in un tentativo di trovare brillantemente una via verso la verità. Ramos modellerà personaggi esagerati e astratti tratti da nevrosi personali evidenziate dal processo di “fare cose”.

 

 

FILM/VIDEO

 

 Alan Brown 

Alan Brown – Filmmaker – United States

Running Conversations

Alan Brown will be working on for Running Conversations, his most personal and experimental film yet. Part documentary, part narrative, the film explores competitive sports, a world that conjures up complicated issues of body image, sexual identity, and traditionally held definitions of masculinity and femininity that go to the heart of the discomfort LGBTQ men and women continue feel in our culture. (He will also be training for the 2017 Boston Marathon.)

Alan Brown lavorerà a Running Conversations, il suo film più personale e sperimentale fino ad oggi. Il film, in parte documentario e in parte narrazione, indaga gli sport agonistici, un mondo in cui emergono questioni complesse, legate all’ immagine del proprio corpo, all’ identità sessuale e alla definizione tradizionale di mascolinità e femminilità, che sono al centro del disagio che la comunità LGBTQ continua a vivere all’interno della nostra cultura. (Inoltre, Alan si allenerà per la Maratona di Boston del 2017).

 

 Mark Kendall 

Mark Kendall – Director/Producer – United States

Untitled

While at the Bogliasco Study Center, Kendall will be working on his current work-in-progress, which explores the relationship between labor, landscape and time.

Progetto Durante la sua residenza al Centro Studi Bogliasco, Kendall si dedicherà al suo attuale progetto in corso d’opera, che esplora il rapporto tra lavoro, paesaggio e tempo.

 

Tess Martin 

Tess Martin – Animator/Director – United States/Netherlands

Frame of Mind

A hand-made animated feature film about different neurological conditions that addresses what it means to live with a brain that is not trust-worthy. Through the story of Richard, a neurologist with a memory condition, we are introduced to six other neurological anomalies like hallucinations, synesthesia and motion blindness. These stories provide greater context for compassion and understanding.

Un lungometraggio animato artigianale che esplora diverse patologie neurologiche, mostrando che cosa significa vivere con un cervello che non è affidabile. Attraverso la storia di Richard, un neurologo con un problema di memoria, si affrontano altre sei anomalie neurologiche come le allucinazioni, la sinestesia e l’achinetopsia, o cecità motoria, tra le altre. Queste storie offrono un contesto più ampio per sperimentare la compassione e la comprensione.

 

 

HUMANITIES SCHOLARSHIP

 

Marjolein Gysels 

Marjolein Gysels (Philosophy) – Senior Researcher, Centre for Social Science and Global Health, University of Amsterdam – Belgium/Netherlands

Past & Presence

Marjolein Gysels will consider the recent practice and theory of the participatory arts as they are used by professional artists with vulnerable older people and people with dementia. She will write up her experiences from various projects she conducted in recent years. The artists, who come from various disciplines, explore new ways of connecting with these groups of people, which challenges and inspires them into new art forms. Such an enquiry touches on fundamental questions relating to care, ageing, identity and life itself.

Marjolein Gysels prenderà in esame la recente pratica e teoria delle arti partecipative così come vengono utilizzate da artisti professionisti con anziani vulnerabili e con persone affette da demenza. Descriverà le esperienze da lei vissute in diversi progetti condotti negli ultimi anni. Gli artisti, provenienti da diverse discipline, esplorano nuove modalità di interazione con questi gruppi di persone, che li sfidano e stimolano verso nuove forme d'arte. Tale inchiesta tocca questioni fondamentali relative alla cura, all'invecchiamento, all'identità e alla vita stessa.

 

 James Longenbach  

James Longenbach (Literature-Scholarship) – Joseph Henry Gilmore Professor of English, University of Rochester – United States

Lyric Knowledge: How Poems Get Made

The impulse to be lyrical is driven by the need to be no longer constrained by oneself. But like poems themselves, we exist because of constraints—cultural and linguistic ways of organizing experience. Lyric Knowledge describes how poems get made from the most fundamental aspects of their medium: diction, syntax, figuration, rhythm, echo. Lyric knowledge, the eager rediscovery of what we already know, is not acquired exclusively from poems, but it constitutes the pleasure of poetry.

L’impulso di essere lirici nasce dal bisogno di non essere più limitati da se stessi. Ma così come le poesie, noi esistiamo a causa dei limiti: usi culturali e linguistici che organizzano la nostra esperienza. Lyric Knowledge, descrive come le poesie si creano dai suoi aspetti più fondamentali: la dizione, la sintassi la figurazione, il ritmo, l’eco, ed è l’entusiasta riscoperta di ciò di cui siamo già a conoscenza, ottenuto non solo dalle liriche, ma anche dal piacere della poesia stessa.

 

 Michel Yves Perrin  

Michel-Yves Perrin (History) – Directeur d’études à l’Ecole Pratique des Hautes Etudes, Section des Sciences Religieuses – France

Clercs et religieux catholiques aux Eranos Tagungen (1933-1962)

A book about the participation of Catholic clergymen in the Eranos Tagungen (1933-1962) of Ascona in Switzerland. Founded in 1933 near Lake Maggiore by Olga Fröbe Kapteyn, the Eranos conferences gather together distinguished scholars of religious history and psychology. Among the orators invited to Ascona between 1933 and 1962, Carl Gustav Jung was perhaps one of the most salient. However, several Jesuit and Dominican priests and clerics such as Ernesto Buonaiuti, Hugo Rahner, and Jean Daniélou, were also featured.

Un libro sulla partecipazione dei sacerdoti cattolici alle Eranos Tagungen (i Colloqui di Eranos, 1933-1962) di Ascona in Svizzera. I Colloqui di Eranos, fondati nel 1933 vicino al Lago Maggiore da Olga Fröbe Kapteyn, riunivano studiosi eminenti della storia della religione e della psicologia. Tra gli oratori invitati ad Ascona tra il 1933 e il 1962, Carl Gustav Jung è forse stato uno dei più celebri. Altri importanti sacerdoti gesuiti e domenicani vi hanno partecipato, come Ernesto Buonaiuti, Hugo Rahner, e Jean Daniélou.

 

 Robert Reid-Pharr Photo: Paula Vlodkowsky

Robert Reid-Pharr (Literature-Scholarship) – Distinguished Professor of English and American Studies, Graduate Center, CUNY – United States

James Baldwin: An Impossible Life

More than a biography of the remarkably talented novelist, essayist, and playwright, James Baldwin, this work demonstrates the particular challenges of twentieth century African American intellectuals as they chronicled the profound cultural and affective complexities that attended the United States’ lurching movement toward racial integration. At the same time, it asks what the ethics of writing biography actually are and how the forms of traditional biography might be bent and manipulated in order to accommodate the complexities of a life as complicated and grand as Baldwin’s.

Più che una biografia del rinomato e talentuoso romanziere, saggista e drammaturgo James Baldwin, questo lavoro descrive le particolari sfide che hanno dovuto affrontare gli intellettuali afroamericani del ventesimo secolo nel descrivere le complessità culturali e emozionali del convulso movimento per l’integrazione razziale. Allo stesso tempo, Reid-Pharr si domanda quale sia in effetti l’etica di scrivere una biografia, e come le forme della biografia tradizionale possano essere piegate e manipolate per poter contenere le complessità di una vita tanto complessa e grandiosa come quella di Baldwin.

 

 Jeremy Treglown 

Jeremy Treglown (History) – Emeritus Professor of English and Comparative Literary Studies, University of Warwick – United Kingdom

John Hersey’s Wars: the author of Hiroshima, 1914-93

John Hersey, the now-neglected author of the staggering Hiroshima (1946), was brought up in China and began his career on Time magazine as a WW2 reporter and Moscow correspondent. His novels include the first American holocaust fiction, The Wall (1950), and White Lotus (1965), which imagines Americans enslaved after losing a Sino-US war. The Algiers Motel Incident (1968) is a piece of ‘new journalism’ denouncing a racially motivated killing by police in Detroit. This is the first study of Hersey’s career to make use of his personal archive.

John Hersey è l’autore oggi dimenticato di Hiroshima (1946). Cresciuto in Cina, cominciò la sua carriera alla rivista Time come reporter della Seconda Guerra Mondiale e corrispondente a Mosca. I suoi romanzi comprendono il primo racconto americano sull’Olocausto, The Wall (1950) e White Lotus (1965), che immagina gli americani ridotti in schiavitù dopo aver perso una guerra contro la Cina. L’ Algiers Motel Incident (1968) è un esempio di “nuovo giornalismo” che denuncia un omicidio per motivi razziali da parte della polizia a Detroit. Questo è il primo studio sulla carriera di Hersey per cui si utilizza il suo archivio personale.

 

 

LITERATURE

 

Caroline Brothers 

Caroline Brothers – Writer/Editor – United Kingdom/Australia/France

The Inheritors (working title)

Brothers will use her Bogliasco Fellowship to work on the first draft of her third novel, which pursues her exploration of identity and displacement, this time in a purely fictional context. Exploring relationships under pressure from a failing environment, The Inheritors is set on a stretch of coast whose cliffs once sheltered colonies of near-extinct birds. The conflicts that arise among three people who have fled to this liminal place will raise hard questions about what we can and cannot protect, as the imperatives of survival clash with the need for something larger than ourselves.

Durante la sua residenza a Bogliasco, Caroline Brothers lavorerà alla prima bozza del suo terzo romanzo, che approfondisce la sua esplorazione sull’identità e sullo spostamento, in un contesto completamente immaginario. The Inheritors, che intende indagare i rapporti sotto pressione in un ambiente degradato, ha luogo lungo un litorale con scogliere che un tempo ospitavano colonie di uccelli in via d’estinzione. Il conflitto che nasce tra tre persone fuggite in questo ambiente liminale solleverà domande complesse su quel che possiamo e non possiamo proteggere, mentre gli imperativi della sopravvivenza si scontrano con il bisogno di qualcosa più grande di noi.

 

Carla Guelfenbein 

Carla Guelfenbein – Novelist and screenwriter – Chile

Chapter 33. Contigo en la distancia

During her Bogliasco Fellowship, Guelfenbein will produce the images and the graphic design for a book which arises from chapter 33 of her award-winning novel, Contigo en la distancia. The chapter describes a very particular moment of a woman´s life, when she discovers her body. The project conveys two streams of work that Guelfenbein has developed over the years: design and words.

Durante la sua residenza, Guelfenbein creerà le immagini e il progetto grafico per un libro che scaturisce dal capitolo 33 del suo premiato romanzo Contigo en la distancia (Con te lontano). Questo capitolo descrive un momento molto particolare nella vita di una donna, quello in cui scopre il proprio corpo. Il progetto unisce due correnti di lavoro che Guelfenbein ha sviluppato lungo gli anni: il disegno e le parole.

 

 Alberto Martins

Alberto Martins – Writer/Editor – Brazil

Boris & Marina

Structured as a dramatic dialogue, intended to work on the page but also to be performed on stage, the Boris & Marina project is a set of poems conceived under the impact of the author's reading of the letters exchanged between poets Boris Pasternak, Marina Tsvetaeva, and Rainer Maria Rilke in the summer of 1926. Poems range from brief lyrical notes to long and elaborate compositions, tuned to the challenges of contemporary poetry.

Il progetto Boris & Marina è strutturato come un dialogo drammatico, per essere letto, ma anche per essere rappresentato in una scena: si tratta di una serie di poesie influenzate dalla reazione dell’autore alla lettura delle lettere tra i poeti Boris Pasternak, Marina Tsvetaeva e Rainer Maria Rilke nell’estate di 1926. Le poesie vanno dalle brevi note liriche alle lunghe ed elaborate composizioni, in accordo con le sfide della poesia contemporanea.

 

Joanna Scott

Joanna Scott – Roswell Smith Burrows Professor of English, University of Rochester – United States

The Knowledge Gallery

Lost books, forgotten books, books that have been destroyed, books that have been hidden, books that authors never got around to writing, electronic books wiped out by a computer virus, imaginary memoirs, imaginary manifestoes, histories of events that never took place, stories no one wants to tell--these and other texts form the basis of The Knowledge Gallery, a collection of tales about books that cannot be found in any library.

Libri perduti, libri dimenticati, libri che sono stati distrutti, libri che sono stati nascosti, libri che gli autori non hanno trovato il tempo di scrivere, libri elettronici spazzati via da un virus informatico, memorie e manifesti immaginari, storie di eventi che non hanno mai avuto luogo, storie che nessuno vuole raccontare: questi ed altri testi formano la base di The Knowledge Gallery (La galleria della conoscenza), una collezione di racconti su libri che non si trovano in biblioteca.

 

MUSIC

 

Eugene Birman

Eugene Birman – Composer – United States

The Opera of "Seeming-ness" / Näilikkus

Birman’s opera seeks to return to the genre’s roots in late Renaissance Italy and unite them with the present time. The role of näilikkus - Estonian for “the state of seeming like something” is explored: what “seems” like a baroque opera will be written in a modern way, incorporating baroque and modern instruments, and a singer known for her astounding performances of contemporary vocal music – Iris Oja. The music will be set to a new libretto written by renowned Estonian theater director Lembit Peterson.

L’opera di Birman prova a tornare alle radici del genere dell’Italia del tardo Rinascimento, e di mischiarla con l’epoca presente. Si esplora il ruolo di Näilikkus, parola in estone per definire “lo stato di sembrare qualcosa”: quel che “sembra” un’opera barocca sarà scritta in una maniera moderna, incorporando strumenti barocchi e moderni, nonchè una cantante conosciuta per le sue incredibili interpretazioni vocali di musica contemporanea, Iris Oja. La musica accompagnerà il libretto scritto dal famoso regista teatrale estone Lembit Peterson.

 

Saad Haddad

Saad Haddad – Composer – United States – Aaron Copland Bogliasco Fellow in Music

Firqa for symphony orchestra

The role of soloists as the driving force in orchestral music is celebrated throughout the history of both Western and Middle Eastern traditional music, often with members of the ensembles themselves taking turns in the spotlight. In his new, fifteen-minute orchestral work for the Columbus and Princeton Symphony Orchestras, Haddad will channel that energy in an effort to bring forward innovative ways to blend soloists’ sounds in the context of a symphony orchestra.

Il ruolo dei solisti come forza principale nella musica orchestrale è stato celebrato ovunque nella storia della musica tradizionale in Occidente e Medio Oriente, conferendo spesso ai singoli musicisti di occupare un ruolo centrale. Nella sua nuova composizione per orchestra di quindici minuti per le Orchestre Sinfoniche di Columbus e di Princeton, Haddad canalizzerà quell’energia nello sforzo di ideare modi innovativi per amalgamare i solisti con il resto dell’orchestra sinfonica.

 

Neil Rolnick

Neil Rolnick – Composer – United States

Deal With the Devil

Niccolò Paganini, a native of Genoa, was the first modern virtuoso performer. His prowess on the violin was so astounding to his contemporaries that he was rumored to have made a Faustian deal with the devil to trade his immortal soul for his superhuman violin technique. “Deal With the Devil” is a 30 minute trio for violinist Jennifer Choi, pianist Kathleen Supové and computer, using Paganini’s life and work as a starting point for an exploration of contemporary instrumental virtuosity.

Nicolò Paganini, originario di Genova, fu il primo musicista virtuoso moderno. La sua abilità col violino era tale che correva voce che avesse fatto un patto faustiano col diavolo scambiando l`immortalità della sua anima con una capacità tecnica sovrumana col violino. “Deal with the Devil” (Patto col diavolo) è un terzetto di 30 minuti per la violinista Jennifer Choi, la pianista Kathleen Supové e per computer, che sfrutta la vita e il lavoro di Paganini come punto di partenza per esplorare i virtuosismi strumentali contemporanei.

 

THEATER

 

Thea Brejzek

Thea Brejzek – Professor for Spatial Theory, University of Technology Sydney – Australia/Germany

Exhibiting the Theatre of Architecture and the Architecture of Theatre: On the performative Potential of the Scale Model (Project in collaboration with Lawrence Wallen)

Brejzek's and Wallen's research examines the performative potential of the exhibited scale model and focuses on what the model does rather than what it is. They trace significant shifts in exhibited theatre and architecture models, from traditional iterative and representative scale models towards self-referential models in the 20th and 21st centuries. They examine how such models are able to make valid statements about our cultural, social and political realities.

La ricerca di Brejzek e di Wallen esamina il potenziale performativo del modello in scala esposto e si concentra sul cosa faccia questo modello, piuttosto che sul cosa sia. Gli autori identificano cambiamenti significativi nelle mostre teatrali e nei modelli architettonici, dai modelli in scala interattivi e rappresentativi tradizionali ai modelli autoreferenziali del ventesimo e ventunesimo secolo. Esaminano come questi modelli possano essere affermazioni valide sulle nostre realtà culturali, sociali e politiche.

 

Gabrielle Cody

Gabrielle Cody – Mary Riepma Ross Professor of Drama, Vassar College – United States

The Theatrical Lineage of the Abu Ghraib Images

Gabrielle Cody's project focuses on the theatrical essence of the photos and video clips released from the Abu Ghraib prison in 2003. Her work will constitute the first chapter of a book devoted to the contested art that has been generated through the Abu Ghraib scenes by artists such as Fernando Botero, Jenny Holzer, Daniel Heyman, and Nancy Spero, who since 2003 have each borne witness to different aspects of the incidents at Abu Ghraib.

Il progetto di Gabrielle Cody studia la teatralità delle fotografie e dei video effettuati nella prigione di Abu Ghraib nel 2003. Il suo lavoro costituirà il primo capitolo di un libro dedicato alla contestata arte che rappresenta scene di Abu Ghraib eseguite da artisti come Fernando Botero, Jenny Holzer, Daniel Heyman e Nancy Spero, i quali dal 2003 hanno dato testimonianza dei diversi aspetti degli avvenimenti di Abu Ghraib.

 

Hugo Salcedo

Guillermo Reyes – Professor of Theatre and Film, Arizona State University – United States

Valentino and the Chilean Heiress

Valentino and the Chilean Heiress dramatizes the tragic true story of Blanca de Saulles, a wealthy socialite from Chile who befriends Rudolph Valentino in New York where he has arrived as an Italian immigrant and before he becomes the silent movie star. The play seeks to integrate dance and music to the drama and becomes a poignant tragic tale of a woman who loses her mind but manages to inspire a young man to become a renowned actor and dancer.

Valentino and the Chilean Heiress narra la tragica storia vera di Blanca de Saulles, un’esponente dell’alta società cilena che diventò amica di Rodolfo Valentino a New York, dove egli era arrivato come immigrato italiano prima di diventare una star del cinema muto. L’opera cerca di integrare danza e musica nella storia, e diviene il tragico racconto di una donna che perde la ragione ma riesce ad ispirare un giovane uomo nel diventare un famoso attore e ballerino.

 

Cori Thomas

Cori Thomas – Playwright – United States (Baryshnikov Arts Center/Bogliasco Foundation joint Fellow)

The End Of The Beginning

The final part of a trilogy of plays dramatizing three trips to Liberia over the past decade, The End Of The Beginning, Part 3 takes place in 2011. Thomas’ goal is to end up with three plays that can stand alone separately, but also fit together to tell the story of a nation. The work weaves fact and fiction through two recurring characters: Cora (based on Thomas) and Pa (her late father, who was a Liberian ambassador.)

Thomas scriverà la parte finale di una trilogia di opere che mettono in scena tre viaggi in Liberia avvenuti nel corso dell’ultimo decennio; The End of the Beginning, Part 3 ha luogo nel 2011. L’obiettivo di Thomas è completare tre opere che possano funzionare autonomamente, ma anche insieme per raccontare la storia di una nazione. Il lavoro intreccia fatti veri e immaginari attraverso due personaggi ricorrenti: Cora (basata sull’autrice stessa) e Pa (il suo defunto padre, che è stato ambasciatore liberiano).

 

Lawrence Wallen

Lawrence Wallen – Professor, Head of School, Design at the University of Technology Sydney – Australia

Exhibiting the Theatre of Architecture and the Architecture of Theatre: On the performative Potential of the Scale Model (Project in collaboration with Thea Brejzek)

Brejzek's and Wallen's research examines the performative potential of the exhibited scale model and focuses on what the model does rather than what it is. They trace significant shifts in exhibited theatre and architecture models, from traditional iterative and representative scale models towards self-referential models in the 20th and 21st centuries. They examine how such models are able to make valid statements about our cultural, social and political realities.

La ricerca di Brejzek e di Wallen esamina il potenziale performativo del modello in scala esposto e si concentra sul cosa faccia questo modello, piuttosto che sul cosa sia. Gli autori identificano cambiamenti significativi nelle mostre teatrali e nei modelli architettonici, dai modelli in scala interattivi e rappresentativi tradizionali ai modelli autoreferenziali del ventesimo e ventunesimo secolo. Esaminano come questi modelli possano essere affermazioni valide sulle nostre realtà culturali, sociali e politiche.

 

VISUAL ARTS

 

Helen O’Leary

Helen O’Leary – Visual Artist – Ireland/United States

Ghost Hoard

Helen O’Leary will study ancient and contemporary boat structures and egg tempera and icon construction while at the Bogliasco Study Center. She plans to make a series of large-scale history paintings that will be a hybrid between clothing and armor. These history paintings will not tell literal stories, but through language and engagement with personal narrative they will engender psychological states and memories drawn from the ruin and plunder of her studio practice.

Nella sua residenza al Centro Studi, Helen O’Leary studierà le strutture di barche antiche e contemporanee, la tempera all’uovo e la produzione di icone. Intende realizzare una serie di dipinti di grande misura di soggetto storico, un ibrido tra vestiario e armatura. Questi dipinti non racconteranno storie letterali, ma, attraverso il linguaggio e il coinvolgimento con una narrativa personale, stimoleranno stati psicologici e ricordi estratti dalle rovine e dalla ricchezza del suo lavoro nello studio.

 

Viviana Peretti

Viviana Peretti – Visual Artist – Italy

Urban Labyrinths

In addition to photographing Genoa using analogue cameras, Peretti will turn her studio into a camera obscura that will reflect inside a portion of the outside world. At the end of her residency, the images produced using conventional and unconventional cameras will merge in a broader creative process that will superimpose vision and reality, myth and actual urban space, engaging the viewer in a reflection about space and temporality.

Oltre a fotografare Genova utilizzando macchine fotografiche analogiche, Peretti trasformerà il suo studio una camera oscura che rifletterà al suo interno uno spaccato del mondo esterno. Alla fine della sua residenza, le immagini prodotte usando macchinette convenzionali e non convenzionali si fonderanno in un processo creativo più ampio che sovrapporrà visione e realtà, mito e spazio urbano reale, coinvolgendo lo spettatore in una riflessione sullo spazio e sulla temporalità.

 

Gabriel Vallecillo

Gabriel Vallecillo – Visual Artist – Honduras

The river told me so

A site specific live videomapping art work that will be projected onto the rocks and water flow of the Gualcarque river in Honduras in homage to Berta Caceres. The artwork merges documentary filmmaking, live cinema performance and projection mapping. Relying on natural topographic qualities and the earth and water coursing beneath, the video projection will give a universal voice to our cosmo visions because a river runs through us all, no matter where we are or where the art work is performed.

È un lavoro di mappatura video effettuato specificamente per un luogo. Verrà proiettato sulle rocce e le correnti d’acqua del fiume Gualcarque in Honduras, in omaggio a Berta Cáceres. Il lavoro è il risultato dell’incontro tra documentario cinematografico, performance cinematografica dal vivo e la proiezione della mappatura. Confidando sulle qualità topografiche naturali e sulla terra e l’acqua che vi scorrono al di sotto, la proiezione video darà una voce universale alle nostre cosmo-visioni, poiché c’è un fiume che scorre dentro tutti noi, non importa dove siamo o dove il nostro lavoro artistico viene presentato.